Prova il nuovo bettingexpert

Scommettere su sport diversi

Come scommettere sul Football americano


Il football americano è uno degli sport su cui si scommette di più, e non solo in America.


La popolarità della National Football League (NFL) è in continuo aumento, il che fa del football lo sport principale negli USA, ben più seguito di ogni altro (compresi baseball, basket ed hokey sul ghiaccio).

L’NFL è composta da 32 squadre divise in 8 divisioni, dove ogni squadra gioca 16 partite a stagione, 8 in casa e 8 in trasferta. La stagione è piuttosto breve, se confrontata ai campionati di altri sport, giocandosi solo da inizi settembre ad inizi febbraio.

La breve durata della stagione di NFL può trasformarsi in una vera sfida per chi tende a scommettere sui campionati, visto il numero limitato di partite e di avversari, che può rendere complicato valutare il vero potenziale di una squadra. E' questa una sfida che tutti devono affrontare e che può però diventare a sua volta un vantaggio per chi è più preparato.

Spread Betting

La tipologia di scommesse più popolare nel football americano è il cosiddetto “The Spread” o “The Line”, essenzialmente una forma di scommessa con handicap.

Ad esempio, capita spesso di leggere:

Chicago Bears -3.5 contro Dallas Cowboys +3.5.

Cosa significa? Che se scommetti sui Bears devono vincere con una differenza di almeni 3.5 punti, ovvero 4 punti o più rispetto agli avversari. Viceversa, se preferisci scommettere sui Cowboys, vinci la scommessa solo se i Cowboys vincono il match oppure perdono con una differenza 3 punti o meno.

In pratica lo “spread” è un margine che il bookmaker inserisce per riportare la sfida a 50-50. Nel nostro esempio, il bookmaker ha scelto un handicap per il Chicago di -3.5, valutando un 50% di chance per i Chicago di vincere con 4 punti o più di distacco e un 50% di chance che questo non avvenga.

Sfortunatamente, i bookmakers davanti a sfide alla pari non offrono quote con il giusto valore (2.00), ma tendono ad abbassarlo (1.91). Il che significa che dovrai vincere di almeno il 52.5% per chiudere in pareggio - ed è più difficile di quanto sembri. Ad ogni modo, per avere successo nel lungo termine, un tasso di vincita del 52.5% è considerato molto buono. Come puoi notare, la linea di confine tra fallimento e successo in questo tipo di scommessa è piuttosto labile. Da qui l’importanza del trovare le migliori quote disponibili tra i bookies.

Qualche dato sull'NFL

Quando si scommette sul football americano è importante prendere in considerazione i cosiddetti Key Numbers. Cosa sono? I Key Numbers sono i margini di vittoria più frequenti nelle partite di NFL. In ordine di frequenza questi margini sono di 3 punti, 7 punti e 10 punti. Nel corso delle passate 20 stagioni di NFL circa ⅓ delle partite sono finite con uno di questi 3 margini.

Perchè tenere in mente questi Key Numbers? Perchè, dato che il 16% delle partite durante le ultime 20 stagioni sono finite con un margine di 3 punti, è importante che quando si effetti una scommessa con handicap si conosca la differenza tra l’opzione 2.5 e 3.5 punti. O ancora, 6.5 punti o 7.5. Visto che molte partite finiscono con questi margini significa che la differenza di 1 punto tra un handicap di 2.5 e 3.5 è molto più significativo della differenza tra 4.5 e 5.5, o ancora 2 punti di differenza tra un 10.5 e 12.5.

In altre parole, mettiamo che i Wahington Redskins siano quotati a + 3.5 punti. Dati i 3 punti di margine che si registrano di solito, il vantaggio di 0.5 che ottengono i Redskins oltre i 3 punti di margine vale molto di più di un vantaggio di 0.5 punti oltre il margine di 5 punti oppure 8 punti visto che questi ultimi si verificano molto meno frequentemente dei 3 punti.

 

Impara i segreti delle scommesse sul baseball

Il vantaggio di chi gioca in casa

Il vantaggio che ha una squadra giocando in casa vale tradizionalmente 3 punti nella NFL. Ciò significa che quando un bookmaker applica uno spread di - 3 punti ad una squadra che gioca in casa, considera le due squadre di pari abilità e dà uno svantaggio di punti ad una squadra solo perché gioca in casa.

Ciò significa che in termini di spread vi è un’oscillazione di 6 punti tra il giocare in casa e fuori casa. Ad esempio, la padrona di casa avrà uno spread di -3 punti, che sarebbero +3 punti se giocasse fuori casa contro quella squadra.

Un modo per valutare se una scommessa ha valore dato un certo spread consiste semplicemente nell'invertire il luogo in cui si gioca l'incontro. Ovvero applicando un’oscillazione di 6 punti allo spread. Ad esempio, mettiamo che i Miami stiano giocando in casa contro i Cleveland e lo spread è Miami -4.5. Per ribaltare l'incontro applichiamo 6 punti di vantaggio, dunque se la partita fosse stata giocata a Cleveland, il Miami avrebbe uno spread di +1.5.

Invertendo il luogo in cui si gioca incontro può aiutarti nel guardare allo spread sotto un'altra angolazione, ovvero stabilire se lo spread offerto dal bookmaker abbia valore o meno.

Puntare sullo sfavorito

E’ un dato di fatto che la maggior parte delle persone che scommette sulle partite di NFL punti sui favoriti. Il che può portare ad opportunità di estremo valore per chi ha il coraggio di puntare sugli sfavoriti, soprattutto su quelli che ricevono un alto spreads.

Diamo un’occhiata a qualche numero. Durante le ultime 10 stagioni gli sfavoriti che hanno giocato fuori casa hanno ricevuto uno spread di +10 o più punti, con un tasso di vincita contro lo spread di circa il 54%. Ovviamente, puntare solo su queste squadre non ti renderà mai ricco, ma questa percentuale di vincite contro lo spread dimostra quanto il pregiudizio verso tali squadre si rifletta nel mercato delle scommesse, dove la maggior parte degli scommettitori si rifiuta a priori di scommettere sugli sfavoriti in quanto tali.

Possiamo notare lo stesso pregiudizio guardando agli sfavoriti che giocano in casa, a cui viene applicato dai bookmakers uno spread uguale o maggiore di +7 punti. Durante le ultime 10 stagioni queste squadre hanno una percentuale di vincita contro lo spread di circa il 59%. Questo dato statistico ha dell'incredibile e dimostra nuovamente quanto può essere importante considerare gli sfavoriti a cui nessuno si avvicinerebbe mai, bettisticamente parlando.

Scopri il concetto di scommesse di valore

Squadre che si riprendono da grandi sconfitte

Altra situazione che conviene assolutamente tenere in considerazione è laddove la squadra esca da una dura sconfitta. Se guardiamo ai dati delle ultime 10 stagioni notiamo come squadre che finiscono con una perdita di 14 punti o più registrino una vincita contro lo spread del 54% quando giocano fuori casa la partita dopo.

Possiamo andare anche oltre e considerare squadre che subiscono una sconfitta di 14 punti e che giocano fuori casa come sfavoriti. Queste squadre hanno una percentuale di vincita contro lo spread del 56% durante le ultime 10 stagioni. Ancora una volta, è questa una tipica reazione esagerata del mercato alla scarsa performance durante la settimana precedente.